Guida all'acquisto e impiego di ponteggi legali in Italia

Visto l'incremento dei prezzi e la carenza del materiale edile iniziano a circolare ditte e mediatori poco chiari se non addirittura truffaldini. Di cosa si necessita per avere la certezza che il proprio ponteggio sia regolare?

RICHIEDI UN PREVENTIVO ONLINE

La crescita esponenziale della domanda di materiali edili, principalmente ponteggi, che sta alterando le normali dinamiche di mercato, sta già rischiando di sconfinare nell'illegalità.

Ed iniziano a circolare voci di improbabili mediatori che iniziano a cercare di approfittare della situazione per introdurre nel mercato italiano materiale contraffatto o quantomeno sprovvisto della documentazione necessario per il proprio impiego.

L'aumento dei prezzi sta causando un ricorso all'illegalità

Negli scorsi mesi il settore edile italiano è stato protagonista di un grande rilancio, soprattutto grazie agli incentivi statali in termini di ristrutturazioni tra i quali citiamo i due più famosi e utilizzati: il "Bonus Facciate" con rimborso al 90% delle spese sostenute per il rifacimento di facciate esterne e visibili da suolo pubblico, e il "Superbonus 110%" con rimborso del 110% delle spese sostenute per certi interventi di riqualificazione degli immobili.

Ma quella che era un'iniziale e giustificata euforia col contemporaneo verificarsi di una congiuntura poco favorevole dovuta all'aumento generalizzato a livello globale del prezzo delle materie prime, si è trasformata in una situazione foriera di incertezze e scarsa disponibilità di reperimento dei materiali.

La situazione rischia di sfuggire ulteriormente di mano. Già nelle cronache locali si susseguono sempre più numerosi i casi di reati contro la proprietà per ottenere i ponteggi, di cui elenchiamo un paio di esempi recenti:

Furto di ponteggi durante la manutenzione di un cavalcavia a Milano

Furto di ponteggi durante la ristrutturazione di un'abitazione privata ad Arezzo

E ora c'è chi mira più in alto. Iniziano infatti ad apparire sul mercato personaggi poco limpidi che propongono materiale importato in Italia dall'estero e utilizzabile "in quanto usato" o con altre fantasiose giustificazioni simili. Ma la realtà è ben diversa, e chi si affida a certi improvvisati fornitori anziché alle aziende storiche ed autorizzate ad operare nel settore rischia di trovarsi delle brutte sorprese, anche e soprattutto sul piano legale.


Gli elementi necessari all'utilizzo lecito di un ponteggio

Per utilizzare un ponteggio in Italia è NECESSARIA ED INDEROGABILE una copia del libretto del ponteggio, fornita dal suo produttore, che va tenuta in cantiere per essere esibita in caso di richiesta dalle autorità competenti.

Ne consegue che senza tale autorizzazione ministeriale (definita in gergo anche libretto come scritto poco sopra) l'utilizzo di un ponteggio esce dai canoni della legalità. Quindi un cantiere in cui si operasse in assenza dell'autorizzazione potrebbe venire fermato e sequestrato dalle autorità in caso di controllo.

Tale autorizzazione è quindi fondamentale in quanto prioritaria dal punto di vista legislativo su altre normative di carattere internazionale. Infatti anche produttori e costruttori stranieri per poter commercializzare i loro prodotti nel nostro paese devono effettuare richiesta di tale autorizzazione, se non ne sono in possesso.

Andando nello specifico è il Il D.Lgs. 81/2008, all’articolo 131, comma 3, che specifica, testualmente, come i ponteggi autorizzati ottengano "...la rispondenza del ponteggio già autorizzato anche alle norme UNI EN 12810 e UNI EN 12811 o per i giunti alla norma UNI EN 74"

Nonostante siano presenti diverse normative europee riguardanti i singoli elementi del ponteggio, che di seguito elenchiamo:

UNI EN 12810/1:2004 Ponteggi di facciata realizzati con componenti prefabbricati - Specifiche di prodotto;

UNI EN 12810/2:2004 - Metodiparticolari di progettazione strutturale;

UNI EN 12811/1:2004 - Attrezzature provvisionali di lavoro - Ponteggi - Requisiti prestazionali e progettazione generale;

UNI EN 12811/2:2004 - Informazioni sui materiali;

UNI EN 12811/3:2005 - Prove di carico;

UNI EN 74/1:2007 - Giunti per tubi da ponteggio;

UNI EN 74/2 - Giunti speciali;;

UNI EN 74/3 - Spinotti e basette;

La loro costruzione non è regolata da alcuna norma univoca internazionale, né essi devono recare marchi universalmente riconosciuti quali il CE. Per cui ogni stato dell'Unione Europea recepisce le direttive regolandosi autonomamente con le autorizzazioni statali all'utilizzo ed impiego dei ponteggi.


Le informazioni insostituibili presenti nell'autorizzazione ministeriale

Il libretto di autorizzazione ministeriale di un ponteggio contiene informazioni insostituibili dal punto di vista tecnico, che rendono inutilizzabile sia dal piano legale che da quello tecnico il ponteggio.

Tra le più importanti si possono citare le caratteristiche di resistenza dei materiali impiegati e i coefficienti di sicurezza adottati per i singoli materiali; le indicazione delle prove di carico a cui sono stati sottoposti i vari elementi; le istruzioni per il montaggio, impiego e smontaggio del ponteggio; e gli schemi tipo correlati dalle indicazioni dei massimi ammessi di carico, di altezza dei ponteggi e di larghezza degli impalcati.

Inoltre le autorizzazioni ministeriali sono codificate da tempo anche nella formulazione di richiesta e concessione di autorizzazione.

Poniamo quindi a titolo esemplificativo, ovviamente oscurando i dettagli identificativi dell'autorizzazione, alcuni dei passaggi chiave presenti in una autorizzazione autentica:

Esempio autorizzazione ministeriale

Esempio autorizzazione ministeriale - 2

Ovviamente la mancanza del libretto, la presentazione di documenti composti di qualche scarna pagina (un'autorizzazione ministeriale per ponteggi non ha una lunghezza standard dipendendo dal tipo di ponteggio e di allegati, ma di norma può oscillare tra le 50 e le 270 pagine) ma anche solo l'assenza di tali informazioni all'interno di esso è già di per sé indicativa che ci si trova di fronte a un fornitore che sta cercando di realizzare una macchinazione poco onesta.


Ultimo aggiornamento:

News

Popi necesari pentru a susține un solar: ghid pentru a stabili distanțele, categoriile și cantitățile

Popi necesari pentru a susține un solar: ghid pentru a stabili distanțele, categoriile și cantitățile

La ce distanță trebuie poziționată popul pentru a susține un solar? Care categorie trebuie să fie? De câți popi este nevoie pentru a opera în mod corect? Nu sunt întrebări banale, tocmai pentru acest motiv în rândurile următoare punem la dispoziție un ghid ce te va ajuta sa găsești răspunsurile necesare.
Multidirectional scaffolding GBM certified EN 17067:2013

Multidirectional scaffolding GBM certified EN 17067:2013

The ideal solution for the design and construc- tion of complex scaffolding
Popi de categoria B, D, E: care este diferența intre ele?

Popi de categoria B, D, E: care este diferența intre ele?

Toate trei sunt prevăzute în normativa UNI EN 1065 și toate trei garantează greutăți elevate. Deci care sunt factorii în baza cărora se decide care pop să se utilizeze?

News

Contact: informaţii, preţuri şi oferte de preţ.

Doriţi mai multe informaţii despre produsele GBM? Contactaţi-ne!


  Consimt la prelucrarea datelor mele cu caracter personal caracter personal.



Preferaţi sa ne contactaţi în alt fel?
Nu e nicio problemă, iată datele noastre de contact:

Contact GBM

Telefon
+39 030 9067005

Whatsapp
+39 331 188 0953